COOPERATIVA FEMMINILE

(Familia de Artesanas don Bosco)

E’ una struttura presente in Oropesa (a 15 minuti dalla parrocchia) in cui una settimana al mese si riuniscono le artigiane
uscite dal taller di don Bosco per lavorare a maglia o al telaio. Il resto del mese viene data la possibilità alle ragazze di lavorare a casa loro, in modo da essere più presenti nei loro doveri di madri e mogli, in un contesto di vita ancora molto legata all’agricoltura, per sostenere il fabbisogno familiare.
Dare lavoro a queste ragazze significa dare la possibilità di mantenersi e vivere nel loro paese senza dover andare in città. I lavori (maglioni, borse, tappeti) vengono commissionati e venduti in Italia grazie al lavoro di molti volontari che si impegnano a fare mostre fisse o eventi. 
Il desiderio nella settimana di turno in cui si riuniscono tutte le ragazze con i loro figli, al di  del lavoro, è quello di poter vivere momenti di condivisione, riflessione e preghiera mantenendo sempre lo stile delle case di don Bosco. Queste ragazze non sono quindi semplici dipendenti, ma persone cresciute nella parrocchia e che continuano a dare una mano come volontarie nelle varie iniziative. 

Cooperativa femminile.jpg
ragazze della cooperativa tessono.jpg
tappeto telaio.JPG

COOPERATIVA MASCHILE

E’ una struttura a Ipra Pay a 10 minuti dal centro di Mamara dove vivono Alessandro e Federica, una coppia di Faenza: ospitano 10 ragazzi appena usciti dal taller a vivere con loro dal lunedì a venerdì. Questi, assieme ad altri 13, lavorano nella cooperativa producendo principalmente mobili che poi si vendono in Italia o nella città di Cuzco. 

Il senso della cooperativa è quello di dare un’opportunità di lavoro dignitoso nel loro paese senza dover scappare in città in cerca di altro. E’ anche un modo per tener vicini questi ragazzi che sono cresciuti nella parrocchia e per aiutarli a tenere vivi nelle loro famiglie i valori appresi nel taller.

Cooperativa maschile.jpg
Cooperativa maschile interno.jpg
taller maschile 3.JPG